Il Presidente Raffaele Pio de Nittis tra i volti nuovi del Consiglio camerale della Camera di Commercio di Foggia

Importante riconoscimento per il Presidente della Cooperativa San Giovanni di Dio dott. Raffaele Pio de Nittis, eletto nel nuovo Consiglio camerale della Camera di Commercio di Foggia, insediatosi ieri nel capoluogo provinciale.

Queste le parole del Presidente, che ha rimarcato il ruolo centrale che la Camera di Commercio ricopre a livello di rappresentanza: “E’ per me motivo di orgoglio essere parte di un soggetto autorevole che ha l’obiettivo di farsi portavoce per le istanze del territorio, in un’ottica di crescita diffusa e condivisa tra tutti gli attori socio-economici. Tra gli obiettivi primari – ha proseguito – c’è quello di far crescere l’intero sistema attraverso l’innovazione dei processi di organizzazione, rafforzando il rapporto con le Università e la collaborazione con le forze sociali attive sul territorio. La strada da perseguire – afferma ancora de Nittis – è quella di un dialogo sempre più fitto ed ampio con le istituzioni pubbliche, puntando ad essere sempre più un corpo che sia nello stesso tempo smart, solidale e comunicativo”.

La Società Cooperativa San Giovanni di Dio saluta con grande soddisfazione la nomina del Presidente de Nittis, a conferma della bontà del lavoro svolto nella sanità privata, nella cooperazione sociale e nel mondo del volontariato, al servizio della collettività e nell’interesse del territorio.

Info su spettanze relative al mese di agosto

La Cooperativa Sociale San Giovanni di Dio, nella persona del Presidente Raffaele Pio de Nittis, è lieta di informare che per il mese di agosto le spettanze ai dipendenti-operatori sono state accreditate con anticipo sulla scadenza prestabilita. Un impegno che la Società ha voluto assolutamente raggiungere per garantire a tutti i dipendenti in organico una serena festività agostana.

Un risultato importante visto anche il quadro entro il quale la Cooperativa opera, con gli Enti sovente in ritardo nel liquidare le fatture alle cooperative che gestiscono i servizi socio-sanitari assistenziali. L’importanza della gestione di alcuni servizi sul piano sociale è tale che possono essere qualitativamente garantiti soltanto ove la condizione dei lavoratori sia soddisfacente, e per questo l’erogazione puntuale della retribuzione per il lavoro svolto è un obbligo verso gli operatori che svolgono il proprio compito con grande professionalità e passione.

La Cooperativa San Giovanni di Dio intende proseguire sul solco positivo tracciato in questi anni, all’insegna del raggiungimento di una crescita sociale e imprenditoriale che la collochino ai vertici del mercato, a tutela dei propri dipendenti e degli utenti serviti.

Chiusura uffici amministrativi

Gli uffici amministrativi della Cooperativa San Giovanni di Dio resteranno chiusi dal 13 al 17 agosto 2018. L’attività amministrativa riprenderà regolarmente lunedì 20 agosto.

 

   Il Presidente Raffaele Pio de Nittis

Avviso assemblea generale ordinaria e straordinaria dei soci

La Cooperativa San Giovanni di Dio Cerignola alla tavola rotonda della seconda edizione degli “Stati generali delle politiche sociali” a Cerignola

Il 27 e 28 giugno la manifestazione al Museo di Torre Alemanna a Borgo Libertà

Una due giorni di incontri, riflessioni ed approfondimenti sul tema delle politiche sociali. A Cerignola va in scena la seconda edizione degli “Stati generali delle politiche sociali”, un’occasione per discutere sulle buone prassi avviate in materia di politiche sociali e sulle esperienze promosse in Puglia e fuori regione nei settori della formazione, dell’educazione, del contrasto alla dispersione scolastica, dell’inserimento lavorativo di persone con disabilità, della gestione dei beni confiscati alla mafia, del coworking.

Una fotografia sullo stato dell’arte del sistema del welfare nel nostro Paese, con un’attenzione particolare focalizzata sui temi del cosiddetto “terzo welfare”.

La manifestazione si svolgerà mercoledì 27 e giovedì 28 giugno 2018 presso il Museo di Torre Alemanna (Borgo Libertà, Cerignola) su iniziativa dell’Ambito Territoriale di Cerignola, con il patrocinio di Regione Puglia, Provincia di Foggia, Assessorato alle Politiche Sociali e del Lavoro del Comune di Cerignola.

Nella prima giornata di lavori, nella tavola rotonda dedicata al ‘terzo welfare’, vi sarà la partecipazione del Presidente della cooperativa San Giovanni di Dio Raffaele Pio de Nittis, per discutere sull’emergere di nuovi bisogni e sul ruolo sempre più importante del ‘terzo welfare’ nella risposta al contrasto alle nuove diseguaglianze sociali, che costituisce un elemento ormai strutturalmente caratterizzante delle politiche di welfare nazionali. La tavola rotonda sarà l’occasione poi per analizzare conoscenze e informazioni che consentano di disegnare una politica di promozione e regolazione efficace allo sviluppo del terzo settore nazionale.

Alla manifestazione parteciperanno: Rino Pezzano, Presidente del Coordinamento Istituzionale dell’Ambito Territoriale di Cerignola; Franco Metta, sindaco di Cerignola; Raffaele Piemontese, assessore al Bilancio della Regione Puglia; Rosa Barone, presidente Commissione Antimafia della Regione Puglia; Giuseppe Mangiacotti, consigliere provinciale con delega alle Politiche del Lavoro; Anna Maria Candela, Dirigente servizio Programmazione Regione Puglia; Francesca Magliano, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Andria;  Anna Rita Zichella, presidente Oltre/la Rete di Imprese; Cesare Moreno, presidente dell’associazione Maestri di Strada; Letizia Espanoli, formatrice e autrice; Pasquale Bonasora, Laboratorio per la Sussidiarietà – Labsus; Leonardo Palmisano; presidente della cooperativa Radici Future; Stefano Rinaldi, presidente Civico 21; Paky Russo, CEO of D-Campus; Dora Giannatempo, Responsabile Formazione – Cooperativa Altereco.

L’evento è stato accreditato presso l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Puglia con 13 crediti di cui 2 deontologici. E’ possibile accreditarsi all’evento tramite la piattaforma www.cnoas.it o in sede di convegno.

 

 

“L’assistenza domiciliare integrata in Provincia di Bari: una scommessa vinta”: convegno il 6 giugno a Bari

Mercoledì 6 giugno, dalle ore 9.30 presso il Palace Hotel di Bari, il convegno dal titolo “L’assistenza domiciliare integrata in Provincia di Bari: una scommessa vinta. Evidenze, risultati e testimonianze di un servizio a misura di paziente”.

La sessione ha come scopo quello di aprire un dibattito sul ruolo strategico dell’Assistenza Domiciliare Integrata, nonché di tutte le attività ad essa correlate e dell’importanza di tali attività sia come fattore di crescita professionale per le figure sanitarie coinvolte, sia come supporto a pazienti (e famiglie) colpiti da patologie croniche a medio lungo decorso.

L’assistenza domiciliare integrata di alta e media intensità/complessità assistenziale dei 14 distretti dell’Asl Bari (con un bacino di utenza di circa 1 milione di abitanti) è gestita dal 2015 da una società consortile composta dalla Società Cooperativa San Giovanni di Dio, la Società Cooperativa di Produzione e Lavoro Tre Fiammelle e da Pro.ges Servizi Integrati alla Persona e la sua gestione rappresenta un modello di welfare divenuto un importante punto di riferimento qualitativo sul ruolo strategico dell’Assistenza Domiciliare Integrata e sulla fondamentale funzione.

Un ‘laboratorio’ che grazie al supporto delle equipè multi-professionali, affronta quotidianamente l’impegno della cura di pazienti con condizioni personali critiche, al fine di raggiungere come obiettivo il miglioramento della qualità di vita non solo del paziente ma anche delle famiglie, per vincere la scommessa di un servizio a misura di paziente.

Al convegno del 6 giugno, dopo i saluti di Michele D’Alba, Presidente del Gruppo Tre Fiammelle, interverranno il Dott. Raffaele Pio de Nittis, Presidente della Società Consortile Adi Bari, il vicepresidente dela Commissione Sanità della Regione Puglia dott. Paolo Pellegrino, il prof. Andrea Rotolo dell’Università SDA Bocconi – School of Management, l’Avv. Adamo Brunetti, compliance & risk manager expert ed il dott. Enrico Lauta, anestetista Unità fragile e complessa Asl Bari.

Le conclusioni saranno affidate alla dott.ssa Rossella Porfido, direttore Distretto Socio Sanitario Unico Bari.

A moderare l’incontro la dott.ssa Tatiana Cogo, giornalista della Coop. Proges.

 

Il tuo 5×1000 alla Cooperativa San Giovanni di Dio

5x1000-212x300

Ogni anno mettiamo a disposizione di anziani, minori, disabili, e delle loro famiglie, la nostra professionalità e competenza, ed ogni anno centinaia di loro usufruiscono dei nostri servizi.

Sostienici. Dona il tuo 5 per mille alla Cooperativa San Giovanni di Dio.

 

Come fare per devolvere il 5 per mille alla Cooperativa San Giovanni di Dio

 

Se presenti il Modello 730 o Unico

  1. Compila la scheda sul modello 730 o Unico;
  2. firma nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato…”;
  3. indica nel riquadro il codice fiscale della Cooperativa San Giovanni di Dio: 02244320715

Anche se non devi presentare la dichiarazione dei redditi puoi devolvere alla Cooperativa San Giovanni di Dio il tuo 5 per mille:

  1. Compila la scheda fornita insieme al CUD dal tuo datore di lavoro o dall’ente erogatore della pensione, firmando nel riquadro indicato come “Sostegno del volontariato…” e indicando il codice fiscale della Cooperativa San Giovanni di Dio: 02244320715;
  2. inserisci la scheda in una busta chiusa;
  3. scrivi sulla busta “DESTINAZIONE CINQUE PER MILLE IRPEF” e indica il tuo cognome, nome e codice fiscale;
  4. consegnala a un ufficio postale, a uno sportello bancario – che le ricevono gratuitamente – o a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (CAF, commercialisti…).

Giornate per la consapevolezza sull’Autismo: le iniziative della San Giovanni di Dio nelle scuole di Bari

Il 2 Aprile ricorre la “Giornata Mondiale per la Consapevolezza sull’Autismo”,  sancita nel 2007 dalle Nazioni Unite, con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica circa una condizione che riguarda una quota sempre maggiore della popolazione, e per stimolare l’impegno a miglioramento dei servizi e alla promozione della ricerca.

Numerosi gli eventi in programma ai quali la Cooperativa San Giovanni di Dio non ha voluto far mancare il proprio apporto come ogni anno. All’Istituto Comprensivo “Japigia1-Verga” del Comune di Bari, l’intero plesso scolastico si è colorato di blu, colore simbolo della giornata, e ha dedicato una settimana, dal 4 al 6 aprile, alla realizzazione di attività volte alla sensibilizzazione di alunni e famiglie nei confronti dell’autismo e della diversabilità in generale.

Tra le iniziative in programma, frutto della collaborazione tra istituzioni scolastiche e diverse cooperative come la San Giovanni di Dio che svolgono il servizio di assistenza specialistica a favore degli alunni diversamente abili nel Comune di Bari, il Blu Carpet, il Pannello/Puzzle Inclusivo e le varie attività laboratoriali, la Rassegna Cinematografica dedicata alla riflessione di tematiche che riguardano Autismo e Diversità ed il Flashmob “Un blu dipinto di Blu”.

Foto Copyright © San Giovanni di Dio

 

 

 

 

 

 

 

Inaugurati il Centro Diurno e la Comunità Socio-Riabilitativa “Dopo di Noi” di Troia

inaugurazione Centro Troia (1)

La Società Cooperativa San Giovanni di Dio, l’Ambito Territoriale di Troia ed il Comune di Troia hanno inaugurato ed aperto alla cittadinanza, con un evento pomeridiano, il Centro Diurno socio-educativo e Riabilitativo e la Comunità Socio-Riabilitativa “Dopo di Noi” di via Aldo Moro a Troia. Il ‘debutto’ della struttura è stato accolto con notevole entusiasmo e partecipazione, con un’affluenza numerosissima di cittadini accorsi per l’occasione.

La nuova struttura è stata tenuta a battesimo dalla benedizione di Sua Eccellenza Monsignor Giuseppe Giuliano, Vescovo della Diocesi Lucera-Troia, ed ha visto il taglio del nastro inaugurale da parte del sindaco di Troia Leonardo Cavalieri, intervenuto assieme al Presidente della Cooperativa San Giovanni di Dio, gestore della struttura, Raffaele Pio de Nittis, all’assessore regionale Raffaele Piemontese, e alla Responsabile di Piano Antonella Tortorella.

Una giornata di festa e di rinnovata soddisfazione, con la cittadinanza che ha avuto l’occasione di visitare la nuova struttura, aperta al territorio dopo una serie importante di lavori strutturali ed organici.

Proprio il rinnovato spirito comunitario è stato il tema al centro degli interventi istituzionali dell’inaugurazione, con la sottolineatura della ricaduta sociale fondamentale sul territorio, con l’aspettativa di poter offrire un servizio indispensabile a tutti quegli utenti che ne avranno bisogno. La giornata di inaugurazione ha rappresentato la continuazione di un percorso lungo che ha visto la condivisione e l’integrazione di intenti tutti gli attori sociali, pubblici e privati coinvolti, realizzando fattualmente quel modello di welfare auspicabile, nel quale l’integrazione delle risorse e la centralità del soggetto utente-cliente, diventano capisaldi imprescindibili, in un’ottica complessiva di promozione e garanzia del diritto alla salute e al benessere delle comunità locali.

La struttura assegnata in concessione alla Società Cooperativa San Giovanni di Dio, in seguito ad un procedura aperta di gara indetta dall’Ambito Territoriale, si ricorda, ospiterà la Comunità Socio-Riabilitativa “Dopo di Noi”, consistente in una struttura residenziale socio assistenziale a carattere comunitario destinata a soggetti maggiorenni, in età compresa tra i 18 e i 64 anni, in situazione di handicap fisico, intellettivo e sensoriale, privi del sostegno familiare o per i quali la permanenza nel nucleo familiare sia valutata temporaneamente o definitivamente impossibile o contrastante con il progetto individuale. La struttura è finalizzata a garantire una vita quotidiana significativa, sicura e soddisfacente a persone maggiorenni in situazione di compromissione funzionale, con nulla o limitata autonomia, e assicura l’erogabilità d’interventi socio sanitari non continuativi assimilabili alle forme di assistenza rese a domicilio.

Per quanto concerne, invece, il Centro Diurno Socio-Educativo e Riabilitativo, si tratta di una struttura socio-assistenziale a ciclo diurno finalizzata al mantenimento e al recupero dei livelli di autonomia della persona e al sostegno della famiglia. Il centro è destinato a soggetti diversamente abili, tra i 6 e i 64 anni, anche psicosensoriali, con notevole compromissione delle autonomie funzionali, che necessitano di prestazioni riabilitative di carattere sociosanitario.

Ogni utente sarà inserito in un percorso di crescita personale e relazionale, attraverso attività finalizzate al mantenimento e recupero dei livelli di autonomia e al potenziamento di abilità, capacità e competenze già in essere e si configurerà come struttura idonea a garantire il “DOPO DI NOI” per disabili gravi senza il necessario supporto familiare.

La struttura assicurerà pertanto una serie di prestazioni che consentiranno il perseguimento di finalità che riducano il ricorso all’istituzionalizzazione, offrendo uno spazio di animazione, svago, formazione ed incontro per i cittadini disabili, nell’ottica di potenziare una metodologia del lavoro di rete che sia capace di avviare una concreta collaborazione tra i vari attori istituzionali e non, con l’obiettivo primario di favorire il mantenimento e il recupero dei livelli di autonomia della persona.

Per la Società Cooperativa San Giovanni di Dio, un nuovo traguardo, raggiunto e fortemente voluto dall’intera struttura dirigenziale, in primis dal Presidente Raffaele Pio de Nittis. “La gestione del Centro Diurno Socio-Educativo e della Comunità “Dopo di Noi” di Troia rappresenta il raggiungimento di un obiettivo ambito ed un ulteriore innalzamento dell’asticella degli standards qualitatitivi che la Società si era prefissata. Il nostro compito – ha proseguito – con il fondamentale ausilio ed in sinergia con la comunità territoriale, sarà quello di rendere il complesso moderno, funzionale e completo ad accogliere ospiti e familiari nell’ottica di un servizio efficiente ed accogliente, con al centro sempre le esigenze delle utenze che andremo ad ospitare”.

“La città di Troia– ha poi aggiunto– riveste un particolare significato simbolico per la Cooperativa San Giovanni di Dio, perché è qui che la Società ha avuto origine circa 20 anni fa, ed è anche per questa ragione che l’apertura di questa struttura ricopre un valore ancora maggiore. L’investimento di risorse umane e materiali che hanno portato a rendere fruibili questi spazi ci rendono orgogliosi ma nello stesso tempo consapevoli della responsabilità che ci assumiamo; la struttura non sarà uno spazio a se stante ma dovrà diventare uno strumento che permetta all’utente di crearsi una rete di relazioni attive e finalizzate al mantenimento ed il recupero dei livelli di autonomia della persona”.

“Da parte nostra – ha concluso – vi sarà la messa in campo di quel bagaglio di esperienza e professionalità già note all’Ambito, con l’obiettivo di avere come punto di riferimento il benessere e la soddisfazione della comunità”.

Foto Copyright © San Giovanni di Dio

Inaugurato a Cerignola il nuovo Sportello del Welfare

Si è svolto ieri sera, presso l’aula consiliare “Di Vittorio” del comune di Cerignola, il convegno inaugurale dello Sportello del Welfare.
Al tavolo dei relatori, oltre al sindaco Franco Metta e l’Assessore alle Politiche Sociali e del Lavoro Rino Pezzano, la dott.ssa Anna Rita Zichella, consulente EuroMediterranea, e Raffaele Pio de Nittis, Presidente della Cooperativa San Giovanni di Dio.

Per la Società Cooperativa San Giovanni di Dio, come sottolineato dalle parole del Presidente, un’altra importante scommessa che si affianca ai servizi già gestiti nell’Ambito in questione e nella Provincia, e che fa da premessa al sorgere di ulteriori nuovi spazi a favore dell’utenza del nostro territorio.

La giornata di oggi e questo incontro – ha sottolineato il Presidente – rappresentano  un importante traguardo per il territorio che vede il concretizzarsi il modello di welfare integrato nel quale soggetti pubblici e privati collaborano tra loro in modo attivo e coordinato per formulare le risposte più adatte alle esigenze della popolazione, e raffigurano per la Società Cooperativa San Giovanni di Dio, che mi pregio di rappresentare, un nuovo traguardo, raggiunto e fortemente voluto dall’intera struttura dirigenziale, e per la quale ci siamo adoperati in sinergia con tutti gli attori istituzionali coinvolti.  Il nostro compito – ha proseguito – con il fondamentale ausilio ed in sinergia con la comunità territoriale, sarà quello di rendere il Servizio moderno, funzionale e completo con al centro sempre le esigenze delle utenze, ben consci dell’importanza del ruolo che andremo a rivestire ed al compito che dovremo assurgere. Il nostro lavoro e gli interventi già compiuti vanno considerati in questa fondamentale direzione”.

 

L’occasione è stata inoltre propizia per augurare alla comunità di Cerignola e di tutto l’Ambito Territoriale, “di poter proseguire un percorso speciale che veda questa giornata come un inizio e come un momento di condivisione ed integrazione di intenti e di tutti gli attori sociali, pubblici e privati, presenti nelle comunità locali, realizzando, così, quel modello di welfare auspicabile, nel quale l’integrazione delle risorse e la centralità del soggetto utente-cliente, diventino capisaldi imprescindibili, in un’ottica complessiva di promozione e garanzia del diritto alla salute e al benessere delle comunità locali”. – le sue parole.

L’evento poi è proseguito con la cerimonia ufficiale di apertura ed il simbolico taglio del nastro. Lo Sportello è da oggi fruibile per tutta la cittadinanza e gli addetti ai lavori.

Lo Sportello si trova a Cerignola, in Piazza della Repubblica, 1 (Piano Terra)  ed è aperto al pubblico la mattina dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 e nei pomeriggi di Martedì e Giovedì dalle 16.00 alle 20.00.

Foto Copyright © San Giovanni di Dio

  • Cookie Policy
  • Privacy Policy